La pandemia di Covid-19: proteggiamo le nostre vite, non i loro profitti!

Dichiarazione del Bureau Esecutivo della IV Internazionale

La pandemia di coronavirus è un drammatico problema di salute pubblica e la sofferenza umana causata sarà enorme. In Europa occidentale i sistemi sanitari sono già sull’orlo dell’asfissia. I decessi saranno molto elevati se si diffonderà massicciamente nei Paesi del Sud del mondo, i cui sistemi sanitari pubblici, già deboli o molto fragili, sono stati terribilmente compromessi da 40 anni di politiche neoliberali.

È già la pandemia più grave da un secolo a questa parte. Il numero dei decessi dovuti alla cosiddetta influenza spagnola del 1918-1919, sebbene difficile da stimare, è stato considerevole, colpendo soprattutto i giovani adulti. Il suo impatto è stato particolarmente forte dopo la prima guerra mondiale. La rapida espansione della pandemia di Covid-19 si spiega in particolare con l’indebolimento della capacità di reazione della popolazione a causa dell’ordine neoliberale e l’aumento della precarietà, in un contesto di aumento del commercio internazionale determinato dalla globalizzazione capitalistica, dalla mercificazione generalizzata e dal primato della legge del profitto.

Questo nuovo coronavirus è stato individuato già nel novembre 2019 in Cina. I medici e gli scienziati che hanno cercato di dare l’allarme sono stati inizialmente repressi e messi a tacere. Se il PCC avesse reagito immediatamente, il pericolo di un’epidemia sarebbe stato stroncato sul nascere.

La politica di negazione del pericolo non è un’esclusiva del regime cinese. Donald Trump negli Stati Uniti si è preso gioco di questo “virus straniero”. Jair Bolsonaro, con il Brasile già immerso nella pandemia, ha dichiarato che “vietare le partite di calcio è isteria” e ha impugnato leggi e direttive delle autorità sanitarie per partecipare a una manifestazione contro la Giustizia e il Parlamento. Boris Johnson nel Regno Unito ha inizialmente sostenuto la ” immunizzazione di un gregge” (permettendo al virus di diffondersi in modo che l’epidemia raggiunga liberamente i suoi limiti intrinseci, quando circa il 70% della popolazione sarà contagiata). Ha dovuto cambiare questo approccio insensibile e pericoloso. Sophie Wilmès, Primo Ministro del Belgio, per lungo tempo è stata sorda a qualsiasi avvertimento. La presidenza francese non ha ricostituito le scorte strategiche (indumenti e prodotti protettivi…) non appena sono comparsi i primi casi nel gennaio 2020. I governi dei Paesi dell’Europa dell’Est non stanno imparando la lezione della crisi sanitaria nell’ovest del continente. L’Unione Europea non è stata in grado di organizzare la più elementare solidarietà con l’Italia duramente colpita, anche se il paese non produce nemmeno una mascherina… La ragione principale di questo ritardo è che i governi non vogliono mettere a repentaglio l’attività economica e la circolazione delle merci, e dedicano solo le risorse minime alla protezione delle popolazioni. Il desiderio di continuare con politiche di austerità nell’offensiva del capitale contro il lavoro, lo spettro della recessione, è stato più forte della conservazione della salute delle persone.

Nonostante i rapidissimi progressi della ricerca medica e scientifica, è troppo presto per prevedere l’evoluzione del virus della SARS-CoV-2: sarà sensibile all’arrivo del bel tempo nell’emisfero nord e la malattia regredirà? Muterà e, in caso affermativo, guadagnerà o perderà virulenza? La diffusione della malattia dalla Cina è avvenuta su un asse est-ovest (Europa, Iran e Stati Uniti compresi), dove le condizioni sono state favorevoli. Tuttavia, il virus è ora presente anche al Sud, dove potrebbe moltiplicarsi, ad esempio al prossimo cambio di stagione, prima di tornare in vigore al Nord. Ci vorrà del tempo per sviluppare un vaccino. Sarebbe irresponsabile aspettarsi che la malattia di Covid-19 si estingua naturalmente a breve termine.

Il virus si sta diffondendo molto rapidamente. Il rapporto tra i casi accertati di infezione e il numero effettivo di persone colpite è sconosciuto in assenza di test di screening di routine, ma la sua pericolosità è ben stabilita. La mortalità della malattia può variare da paese a paese. Si dice che sia benigna nell’80% dei casi, grave nel 20%, di cui molto grave nel 5% e mortale in circa il 2% dei casi. Gli anziani o i più malati non sono gli unici ad essere in grave pericolo. Giovani e giovanissimi si trovano lo stesso in terapia intensiva dove l’epidemia esplode.

I principali media e i governi si concentrano sulle differenze nei tassi di mortalità per età, ma sono attenti a non attirare l’attenzione sulle differenze di classe e su come la mortalità dovuta alla pandemia di coronavirus colpirà gli esseri umani in base al loro reddito e alla loro ricchezza. La quarantena o l’accesso alle cure intensive quando si ha 70 anni e si è poveri non è affatto uguale a quando si è ricchi.

Non ci sono anticorpi contro il nuovo coronavirus nella popolazione. Il trattamento dei malati gravi è pesante e richiede attrezzature all’avanguardia e personale medico competente e preparato. In caso contrario (o se il sistema ospedaliero è sovraccarico), molti pazienti curabili muoiono e moriranno. Se non si adottano misure drastiche, se 4 miliardi di persone saranno contagiate, 80 milioni di persone moriranno.

La pandemia di Covid-19 dovrebbe quindi essere presa molto seriamente da tutte le reti di militanti progressisti, comprese le nostre organizzazioni. Ovunque si sviluppi l’epidemia, devono essere prese misure molto decise per contenerla e per proteggere le popolazioni, facendo di questo una priorità al di sopra del funzionamento dell’economia capitalista. Per tutti i Paesi bisogna imparare la lezione di chi è stato colpito per primo per prepararsi al suo possibile sviluppo e per imporre ai governi vere e proprie misure preventive.

Forti piani di prevenzione

Nella maggior parte dei paesi colpiti, a causa della mancanza di preparazione, i governi stanno gestendo questa mancanza, a volte facendo di necessità virtù. Laddove esistano, i piani di prevenzione devono essere rafforzati, e stabiliti laddove non ci siano ancora.

Questi piani dovranno preparare la riorganizzazione del sistema sanitario nel suo complesso e la mobilitazione di tutte le risorse necessarie in caso di epidemia, e in particolare l’aumento immediato del personale dei servizi sanitari già gravemente carente.

Gli ospedali sono stati sottoposti a successivi tagli di bilancio, indeboliti o addirittura privatizzati, anche se sono uno dei pilastri della lotta contro l’epidemia, che comporta cure intensive. I servizi privati di assistenza, di produzione di medicinali e di attrezzature mediche devono essere requisiti, sotto il controllo pubblico e sociale. Il governo dello Stato spagnolo ha preso l’iniziativa di requisire i letti degli ospedali privati.

Si devono stabilire scorte strategiche di indumenti protettivi, gel idroalcolici e kit di screening in via prioritaria per la salute e per altri lavoratori essenziali e per i settori più a rischio della popolazione.

I piani di prevenzione comprendono anche la ricerca medica e scientifica. Anche in questo caso, tuttavia, a causa dell’ austerità, i finanziamenti per la ricerca sono stati ridotti o tagliati, in particolare per i coronavirus. Tutte le aziende private che operano in questo campo devono essere nazionalizzate sotto il controllo pubblico e sociale.

La Corea del Sud ha dimostrato l’utilità dei test di screening di massa per comprendere le dinamiche dell’epidemia e intervenire il prima possibile. Tuttavia, i vincoli di bilancio hanno fatto sì che le scorte di questi test non siano state mantenute aggiornate anche quando esistevano, creando situazioni drammatiche. In una situazione di penuria, i mezzi di protezione devono essere riservati in via prioritaria al personale sanitario, che può tuttavia trovarsi in una situazione di carenza, e alle loro famiglie.

Le condizioni di vita devono essere garantite dalla sospensione dei pagamenti degli affitti, delle ipoteche e delle utenze. Deve esserci l’immediata cessazione di tutti gli sfratti, la creazione di rifugi con tutte le strutture necessarie per i senzatetto, la requisizione di alloggi sfitti per non lasciare le persone in edifici insalubri. Chi vive per strada non può auto-isolarsi o essere confinato.

L’imminente crisi economica e sociale, scatenata dalla pandemia ma preparata dall’accumulo di problemi nell’economia capitalista, non dovrebbe essere l’occasione per un’ulteriore concentrazione della ricchezza e la distruzione dei diritti sociali. Piuttosto, le forze progressiste devono spingere per trovare soluzioni basate sulla ridistribuzione delle risorse e sul bene comune.

Infine, data l’impennata dell’epidemia, è stato necessario adottare misure molto severe per limitare i contatti sociali e i viaggi, e quindi ridurre drasticamente l’attività economica. I piani devono quindi prevedere aiuti massicci alla popolazione per evitare l’aumento dell’impoverimento e per garantire che nessuno rimanga indigente in tempi di crisi sanitaria. Questo deve valere sia per i lavoratori salariati che per quelli autonomi. I costi di queste restrizioni devono essere sostenuti aumentando le tasse sui profitti e sul reddito delle imprese e sulle grandi fortune.

L’importanza vitale dell’auto-organizzazione sociale

Dobbiamo chiedere alle autorità di prendere tutte le misure necessarie per proteggere la salute e il benessere sociale della popolazione, ma niente sarebbe più pericoloso che fare affidamento solo su di loro. La mobilitazione indipendente degli attori sociali è indispensabile.

Il movimento dei lavoratori deve lottare per la cessazione di ogni produzione e trasporto superfluo, per garantire il rispetto delle massime condizioni di sicurezza sanitaria nei luoghi di lavoro essenziali, e per il pieno mantenimento dei redditi e dei contratti dei lavoratori in caso di disoccupazione totale o parziale. Si sono già verificati scioperi che richiedono che i luoghi di lavoro dedicati alla produzione inutile, come le automobili, siano interrotti, ad esempio, in Mercedes Benz, a Vitoria nei Paesi Baschi. Altrove i lavoratori essenziali, negli ospedali in Francia o nella raccolta dei rifiuti in Scozia, sono intervenuti per chiedere migliori condizioni di sicurezza.

Le organizzazioni locali hanno un ruolo essenziale da svolgere a molti livelli. Esse contribuiscono a rompere l’isolamento in cui possono trovarsi le persone, in particolare le donne, che probabilmente si troveranno costrette ad assumersi un peso ancora più pesante di compiti domestici e di assistenza all’infanzia durante i periodi di reclusione. Combattendo il razzismo, la xenofobia, la xenofobia, la LGBT+fobia possono fare in modo che le minoranze precarie, migranti, prive di documenti e discriminate non siano escluse dalle tutele a cui hanno diritto. Possono aiutare quelle donne per le quali il confinamento significa una prigionia mortale con un coniuge violento. Possono garantire il rispetto dei gesti quotidiani di “allontanamento sociale”.

Molti casi di organizzazione di base a livello di quartiere, di condominio, con chi si propone di aiutare e chi ha bisogno di aiuto (anziani, disabili, in quarantena) prendendo contatto, spesso per la prima volta, esistono in diversi Paesi, in Gran Bretagna, in Olanda, in Francia. In Italia, accanto all’aiuto pratico, le comunità si sono unite per rompere l’isolamento sociale e mostrare solidarietà attraverso flashmob dai balconi delle abitazioni.

I movimenti sociali devono poter contare su competenze mediche e scientifiche indipendenti per sapere quali misure sono efficaci e indispensabili e favorire lo scambio internazionale. Medici e ricercatori devono impegnarsi con loro.

Infine, la capacità di iniziativa del movimento sociale è una garanzia democratica insostituibile. L’autoritarismo dei poteri può essere rafforzato in tempi di emergenza sanitaria, in nome dell’efficienza. A questa tendenza dominante deve opporsi il più ampio fronte di mobilitazione unitaria possibile.

Una crisi globale della società capitalista

Una pandemia rappresenta un test importante per qualsiasi società. La situazione in Lombardia, nel Nord Italia, è un drammatico esempio di ciò che accade all’ordine dominante. La Lombardia è una delle regioni più ricche d’Europa con uno dei migliori sistemi ospedalieri. Questo è stato tuttavia indebolito dalle politiche neoliberali. Ora è affogata a causa della piena di pazienti gravemente malati, al punto che l’Associazione degli anestesisti della rianimazione ha dato la precedenza di curare solo quei pazienti che hanno una maggiore aspettativa di vita, lasciando andare gli altri.

Non si tratta di una situazione una tantum, come quando gli operatori del pronto soccorso devono decidere dopo un incidente con più vittime chi curare per primo, ma di un fallimento sistemico che si sarebbe potuto evitare se la politica sanitaria fosse stata diversa. In tempo di pace, le carenze rendono necessario l’uso della medicina di guerra, in cui si rinuncia a cercare di salvare tutti! Si tratta di un terribile crollo della solidarietà che si sta verificando in una delle regioni del mondo più sviluppate dal punto di vista economico e sanitario – e che potrebbe accadere domani in altre parti d’Europa.

Una chiara condanna dell’ordine capitalista dominante

La questione non è se la pandemia di Covid-19 si “normalizzerà” domani, ma a costo di quanti morti, di quanti sconvolgimenti sociali. È una domanda ricorrente, perché viviamo in un’epoca di ritorno delle grandi epidemie (SARS, AIDS, H1N1, Zika, Ebola…). Lo stato cronico di crisi sanitaria si combina oggi con la crisi ecologica globale (il riscaldamento globale è una delle sfaccettature), lo stato di guerra permanente, l’instabilità della globalizzazione neoliberale e la finanziarizzazione del capitale, la crisi del debito, l’aumento della precarietà e la disgregazione del tessuto sociale, l’ascesa di regimi sempre più autoritari, la discriminazione, il razzismo e la xenofobia…

Per combattere la crisi sanitaria occorre combattere concretamente la dittatura delle multinazionali e delle lobby farmaceutiche o dell’agroindustria, sostenendo l’agroecologia contadina e l’agroforesteria che permette la ricostituzione di ecosistemi equilibrati. È necessaria l’imposizione di una riforma urbana per porre fine alle mega-città malsane. In generale, occorre contrapporre la logica dell’assistenza gratuita a quella del profitto: ogni malato deve essere curato gratuitamente, qualunque sia il suo status sociale… Le nostre vite valgono più dei loro profitti.

L’ecosocialismo rappresenta l’alternativa a questa crisi globale della società capitalista. La risposta alla crisi sanitaria dovrebbe essere la mobilitazione in convergenza con gli altri settori di lotta per ottenere questa alternativa.

La convergenza di lotte ecosocialiste, femministe e operaie deve avere come obiettivo quello di liberarsi del sistema capitalista che sta uccidendo noi e il pianeta e costruire una nuova società.